Portfolio

Giacomo – Ospedale da Campo

Giacomo – Ospedale da Campo

 

Sono un artigiano, faccio prestazioni di manodopera, per posa di materiale a secco, con ciò che ne consegue, mi arrangio un po’ a fare ciò che serve , da collegare due prese a montare qualche interruttore, collaboro anche con azienda che applicano resine ,a livello industriale.

Ho fatto il possibile, insieme ai miei compagni per costruire una speranza per la nostra città, per ridare speranza a tutti , bergamaschi e non .

Partendo da una semplice email, dove Confartigianato chiedeva disponibilità da parte di montatori , per costruire questo ospedale.

Nella mail si chiedeva di suddividersi in vari gruppi e la disponibilità per lavorare a questo progetto, facendo turni , dal mattino,dal pomeriggio , dalla notte.

Ho accettato subito, per vari motivi, il primo è stato quello di poter realmente dare una mano, sentirsi in prima linea, seppur nelle quinte .

L’altro motivo ero a casa libero da ogni impegno e sinceramente ero stanco di pulire sul pulito ahaha.

L’altro motivo ,per cercare di ridare un po’qualcosa a tutte le persone che fin qui mi sono state vicine , mi hanno aiutato senza mai richiedere nulla in cambio.

Poi l’ho fatto per migliorare me stesso, per cercare di smussare certi spigoli del mio carattere.

Una fase di crescita diciamo .

Costruendo quest’opera, abbiamo costruito anche una sorta di famiglia, con gli altri volontari del progetto,tutto ciò è magnifico, vedere che ci si può trovare anche avendo metodologie di lavoro differenti, avendo età diverse , e anche origini.

La cosa più sconvolgente è stata vedere il primo gruppetto riunito il lunedì,sera ingrandirsi a vista d’occhio il mattino seguente.

Questa cosa mi ha dato più consapevolezza della nostra forza , mi ha riempito di gioia e orgoglio,perché nell’aiutare il prossimo ,ci si sente meglio con se stessi. Non solo nel ricevere,ma anche nel donare, che sia tempo o manualità o altro .

Per il futuro spero ci sia una rivalutazione di queste piccole aziende,piccole realtà , inoltre spero che finisca presto questa pandemia.
Il mio motto, detto anche in fiera è:  sono molle ma felice.

Eravamo tutti un po’scoppiati a dir la verità,ma fino alla fine abbiamo tenuto botta .

Ciò che semini raccogli, perché la vita , è così ,come il destino, fa’ lunghi giri per ritornare a te .

Ringrazio i miei compagni con cui ho collaborato alla realizzazione , e ringrazio chi ci ha sostenuto, per tutti noi, Bergamo è qui ,❤️.

Non si molla ,mai .

Giacomo Curnis ,26 anni
Abito a Palosco
Fiera Ente Promoberg
Confartigianato, sezione Grumello

 

Per Sostenerci, Per Bergamo e per la sua gente

Contact us

Bergamo – Italia
WS 0039 3203056467
berghemmolamia@gmail.com

 

Support

Supporting Bergamo … supporting People
#berghemomolamia